CHI SIAMO

L’Archivio delle memorie migranti è uno spazio reale e virtuale di racconti, autonarrazioni e dialoghi tra chi ha vissuto l’esperienza della migrazione e vuole condividerla e chi è interessato a conoscerne il vissuto e le riflessioni. AMM è una “comunità di pratica” fatta di persone che perseguono obiettivi comuni da punti di vista diversi e molteplici: dalla raccolta di testimonianze alla produzione di racconti di sé, dalla realizzazione di audio e video partecipati alla elaborazione di materiali didattici per far rivivere l’esperienza della migrazione nelle scuole. A chiunque sia interessato.

Premio Cesare Zavattini

Sono on line il Bando e il Regolamento della quinta edizione del PREMIO CESARE ZAVATTINI, promosso dalla Fondazione Aamod, cui possono partecipare giovani filmmaker tra i

Premio Cesare Zavattini

ARCHIVIO

L’Archivio contiene autonarrazioni, interviste, ricerche e riflessioni teoriche sottoforma di testi scritti, audio, video e immagini. È possibile consultare i materiali on line oppure scrivendoci per quelli non fruibili tramite il sito.

Autonarrazioni

In questa sezione si possono trovare racconti, prevalentemente scritti – ma spesso corredati di immagini, video, audio – di soggetti migranti che intendono condividere le

Autonarrazioni
Interviste

La sezione ‘interviste’ contiene la documentazione relativa a incontri, conversazioni, interviste, cerchi narrativi o colloqui tenuti, svolti o organizzati dai volontari, ricercatori, e soci di

Interviste
Ricerche

Sezione dedicata alla riflessione critica e alle ricerche svolte sul lavoro e le attività di AMM, al suo sviluppo nel tempo, i suoi cambiamenti, la

Ricerche

Film

È possibile partecipare alle attività di AMM organizzando la proiezione dei nostri film, che possono essere richiesti per una visione privata o collettiva, anche con la presenza degli autori. Nei film di AMM l’esperienza della migrazione, e non solo, è raccontata dal suo interno, sfruttando le peculiarità del linguaggio audiovisivo e dei metodi partecipativi.

BENVENUTI IN ITALIA

Un film documentario di Aluk Amiri, Hamed Dera, Hevi Dilara, Zakaria Mohamed Ali, Dagmawi Yimer,...

Donec dapibus

Suspendisse sit amet sollicitudin mi. In est mi, facilisis non mi a, dignissim fermentum nisl....

Maecenas sodales

Aliquam eu turpis tempus, vestibulum turpis et, consequat ex. Etiam sed lorem est. Etiam urna...

Donec porta

Vestibulum elementum ante non sagittis tristique. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada...

Pellentesque

Donec ut mi finibus, molestie justo vel, varius libero. Curabitur sed mi ut est cursus...

Va’ pensiero. Storie ambulanti

  Un film di Dagmawi Yimer, 2013 (55’). Va’ pensiero è il racconto incrociato di...

Soltanto il mare

  Un documentario di Dagmawi Yimer, Giulio Cederna, Fabrizio Barraco, 2011 (49’) Regia, fotografia, suono:...

To whom it may concern

  Un documentario di Zakaria Mohamed Ali, 2013 (16′) Dopo Soltanto il mare, un altro...

PROGETTI

ITHACA horizon

Il Progetto Horizon 2020 – ITHACA. Interconnecting Histories and Archives for Migrant Agency: Entangled Narratives Across Europe and the Mediterranean Region si pone l’obiettivo di analizzare

ITHACA horizon
DiMMi

“Diari Multimediali Migranti” è il concorso nazionale di racconti di sé che raccoglie e fa conoscere le storie di persone di origine o provenienza straniera

DiMMi
FRMM (ex RAMM)

  Il Fondo Rete Memorie Migranti (FRMM) presso l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi raccoglie materiali audiovisivi sulla memoria dell’immigrazione in Italia e

FRMM (ex RAMM)
Premio Gianandrea Mutti

aperto il bando 2021 dedicato ai registi migranti –   Perché sostenere il cinema dei registi migranti? Dobbiamo pensare alla capacità di lettura “stereofonica” del

Premio Gianandrea Mutti
BENVENUTI IN ITALIA

Cinque cortometraggi scritti, girati e diretti da ragazze e ragazzi immigrati in Italia. Un mosaico di piccole storie accomunate dalla ricerca di uno sguardo interno

BENVENUTI IN ITALIA
Il rovescio della migrazione

L’intuizione teorica che ha dato il titolo alla ricerca è che la condizione degli immigrati sia attraversata da una serie di rovesciamenti (lessicali, semantici e

Il rovescio della migrazione

Ubah Cristina Ali Farah ... See MoreSee Less

Giovedì 8 luglio, 19:00-20:00,
al Real Bosco di Capodimonte (Giardino dei Principi, Porta Grande), Napoli,

CRISTINA ALI FARAH e LIVIA APA ci parleranno di
"MAPPE DELL'AMORE: SCRIVERE LA DIASPORA"

L'iniziativa è organizzata nell'ambito del Campania Teatro Festival, in collaborazione con il Centro Studi sull'Africa Contemporanea dell'Orientale e AMM - Archivio delle memorie migranti.

Un flusso di scrittura, attraversando il primo romanzo, Madre Piccola (Frassinelli, 2007), la poesia, le successive prose e il teatro, rivela la mappa letteraria di Cristina Ali Farah. La scrittrice ha sempre esplorato i cammini della diaspora e più in generale delle multiple appartenenze, mostrando un’idea di identità aperta, intessuta della complessità quotidiana di vivere diverse radici ma intesa come opportunità, di cui si alimenta la rete affettiva ed esperienziale delle vite di chi vive tra più luoghi.

https://campaniateatrofestival.it/spettacolo/incontri-del-festival/
... See MoreSee Less

CONTATTI

amm.segreteria@gmail.com 𝗦𝗲𝗱𝗲 𝗼𝗽𝗲𝗿𝗮𝘁𝗶𝘃𝗮: c/o Circolo Gianni Bosio Casa della Memoria e della Storia Via San Francesco di Sales, 5 – 00165 Roma 𝗦𝗲𝗱𝗲 𝗹𝗲𝗴𝗮𝗹𝗲: Via di Panìco, 18 (int. 8) – 00186 Roma 𝗖𝗼𝗱𝗶𝗰𝗲 𝗳𝗶𝘀𝗰𝗮𝗹𝗲: 97681790586

This error message is only visible to WordPress admins
Error: No posts found.