CHI SIAMO

L’Archivio delle memorie migranti è uno spazio reale e virtuale di racconti, autonarrazioni e dialoghi tra chi ha vissuto l’esperienza della migrazione e vuole condividerla e chi è interessato a conoscerne il vissuto e le riflessioni. AMM è una “comunità di pratica” fatta di persone che perseguono obiettivi comuni da punti di vista diversi e molteplici: dalla raccolta di testimonianze alla produzione di racconti di sé, dalla realizzazione di audio e video partecipati alla elaborazione di materiali didattici per far rivivere l’esperienza della migrazione nelle scuole. A chiunque sia interessato.

Archivio delle Memorie Migranti

ARCHIVIO

L’Archivio contiene autonarrazioni, interviste, ricerche e riflessioni teoriche sottoforma di testi scritti, audio, video e immagini. È possibile consultare i materiali on line oppure scrivendoci per quelli non fruibili tramite il sito.

Autonarrazioni

In questa sezione si possono trovare racconti, prevalentemente scritti – ma spesso corredati di immagini, video, audio – di soggetti migranti che intendono condividere le

Autonarrazioni
Interviste

La sezione ‘interviste’ contiene la documentazione relativa a incontri, conversazioni, interviste, cerchi narrativi o colloqui tenuti, svolti o organizzati dai volontari, ricercatori, e soci di

Interviste
Ricerche

Sezione dedicata alla riflessione critica e alle ricerche svolte sul lavoro e le attività di AMM, al suo sviluppo nel tempo, i suoi cambiamenti, la

Ricerche

Film

È possibile partecipare alle attività di AMM organizzando la proiezione dei nostri film, che possono essere richiesti per una visione privata o collettiva, anche con la presenza degli autori. Nei film di AMM l’esperienza della migrazione, e non solo, è raccontata dal suo interno, sfruttando le peculiarità del linguaggio audiovisivo e dei metodi partecipativi.

BENVENUTI IN ITALIA

Un film documentario di Aluk Amiri, Hamed Dera, Hevi Dilara, Zakaria Mohamed Ali, Dagmawi Yimer,...

Donec dapibus

Suspendisse sit amet sollicitudin mi. In est mi, facilisis non mi a, dignissim fermentum nisl....

Maecenas sodales

Aliquam eu turpis tempus, vestibulum turpis et, consequat ex. Etiam sed lorem est. Etiam urna...

Donec porta

Vestibulum elementum ante non sagittis tristique. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada...

Pellentesque

Donec ut mi finibus, molestie justo vel, varius libero. Curabitur sed mi ut est cursus...

Va’ pensiero. Storie ambulanti

  Un film di Dagmawi Yimer, 2013 (55’). Va’ pensiero è il racconto incrociato di...

Soltanto il mare

  Un documentario di Dagmawi Yimer, Giulio Cederna, Fabrizio Barraco, 2011 (49’) Regia, fotografia, suono:...

To whom it may concern

  Un documentario di Zakaria Mohamed Ali, 2013 (16′) Dopo Soltanto il mare, un altro...

PROGETTI

DiMMi

“Diari Multimediali Migranti” è il concorso nazionale di racconti di sé che raccoglie e fa conoscere le storie di persone di origine o provenienza straniera

DiMMi
FRMM (ex RAMM)

  Il Fondo Rete Memorie Migranti (FRMM) presso l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi raccoglie materiali audiovisivi sulla memoria dell’immigrazione in Italia e

FRMM (ex RAMM)
Premio MUTTI

IL PREMIO GIANANDREA MUTTI: il cinema migrante Perché un premio rivolto a registi stranieri in Italia?   Per un film maker italiano o straniero di

Premio MUTTI
BENVENUTI IN ITALIA, il progetto

Cinque cortometraggi scritti, girati e diretti da ragazze e ragazzi immigrati in Italia. Un mosaico di piccole storie accomunate dalla ricerca di uno sguardo interno

BENVENUTI IN ITALIA, il progetto
Il rovescio della migrazione

L’intuizione teorica che ha dato il titolo alla ricerca è che la condizione degli immigrati sia attraversata da una serie di rovesciamenti (lessicali, semantici e

Il rovescio della migrazione

Oggi pomeriggio alle 18 il terzo appuntamento on line degli incontri organizzati dal Premio Zavattini. Alessandro Triulzi presenta AMM - Archivio delle memorie migranti e il cortometraggio LA VITA PER LEI di Hevi Dilara, che sarà trasmesso in diretta facebook oggi, mercoledì 08 luglio, alle 18 su Premio Zavattini - UnArchive!Alessandro Triulzi, uno dei curatori, presenta ARCHIVIO MEMORIE MIGRANTI e il cortometraggio LA VITA PER LEI di Hevi Dilara ("on-line", mercoledì 08 luglio 2... ... See MoreSee Less

LE PERCUSSIONI DI CIVICO, L’ARCHIVIO DELLE MEMORIE MIGRANTI E LA LIVING CHAPEL ALL’ORTO BOTANICO DI ROMA PER UN CONCERTO EVENTO DEDICATO ALLA
GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO

Musica, natura e culture diverse si fondono, giovedì 25 giugno 2020, nella straordinaria cornice della Cavallerizza dell’Orto Botanico di Roma dove CivicoZero Onlus, l’Archivio delle memorie migranti e la The Living Chapel celebrano con uno speciale concerto di percussioni la Giornata Mondiale del Rifugiato.

Protagonisti della serata, i giovani musicisti de Le Percussioni di Civico, il gruppo stabile nato nell’ambito del Laboratorio di Percussioni di CivicoZero Onlus: accompagnati dal Maestro Ousmane Coulibaly, Arnaud, e dalla sua kora, Sory, Mamadou, Kiab e Ell Hadj suoneranno i loro djembè in naturale armonia con i suoni prodotti dalla Living Chapel.

I laboratori espressivi di CivicoZero Onlus rappresentano dei tasselli essenziali nella costruzione dei percorsi inclusivi dei ragazzi. Le Percussioni, così come teatro, video, rap, fotografia e scrittura, si trasformano in momenti positivi di aggregazione e riflessione in cui, oltre a scoprire e valorizzare il proprio talento, questi giovani hanno l’opportunità – spesso, per la prima volta - di esprimersi in modo libero, di esplorare dimensioni del sé fino ad allora inesplorate, di rielaborare le dolorose esperienze di separazione e di viaggio.

La Living Chapel è uno strumento musicale vivente ideato del compositore australiano-canadese Julian Darius Revie per il Museo Orto Botanico di Roma. Sintesi ideale tra Natura, Architettura e Musica, il sistema di irrigazione crea un’armonia grazie al flusso incessante di gocce d’acqua che, in un ciclo continuo, bagna le piante e colpisce barili di petrolio rigenerati in strumenti musicali a percussioni chiamati steel drums.
L’ Archivio delle memorie migranti raccoglie e diffonde le voci e le testimonianze dirette delle persone migranti per lasciarne traccia nella memoria della società italiana.
La Giornata Mondiale del Rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite per commemorare l’approvazione della Convenzione Relativa allo Status dei Rifugiati da parte dell’Assemblea Generale nel 1951, viene celebrata quest’anno presso l’Orto Botanico da Civico Zero Onlus, la Living Chapel e l’Archivio delle memorie migranti per dare voce, insieme, alla valenza inclusiva del loro operato e per diffondere attraverso la musica i valori della solidarietà e dell’accoglienza.
... See MoreSee Less

CONTATTI

amm.segreteria@gmail.com 𝗦𝗲𝗱𝗲 𝗼𝗽𝗲𝗿𝗮𝘁𝗶𝘃𝗮: c/o Circolo Gianni Bosio Casa della Memoria e della Storia Via San Francesco di Sales, 5 – 00165 Roma 𝗦𝗲𝗱𝗲 𝗹𝗲𝗴𝗮𝗹𝗲: Via di Panìco, 18 (int. 8) – 00186 Roma 𝗖𝗼𝗱𝗶𝗰𝗲 𝗳𝗶𝘀𝗰𝗮𝗹𝗲: 97681790586