Home Contatti Photo Gallery Ricerca
  • Immagini
  • Testi
  • Mappe
Contribuisci anche Tu
ita | eng
Home > Archivio > Film > Le donne vestivano gonne fiorite

Le donne vestivano gonne fiorite

Carlo Chiaromonte

Roma - 2005 - 52'

Scheda film

Regia: Carlo Chiaromonte;

Fotografia: Beppe Gallo;

Suono: Fabrizio Bacherini;

Montaggio: Francesca Sambuchi;

Musica: Antonino & Luca Chiaramonte;

Produzione: Paola Marotti, Pier Giorgio Bellocchio e Andrea Marotti per Digital Desk Coop. e Arci Solidarietà Lazio Onlus in collaborazione con la Presidenza del Consiglio Provinciale di Roma e Commissione delle Elette del Comune di Roma;

Formato: Beta dgt, Beta SP, DVD con sottotitoli in inglese, francese, romanés

Sinossi

Nelle comunità zingare che vivono nei “campi nomadi” di Roma le adolescenti sono alla ricerca di un futuro migliore, fatto di indipendenza, emancipazione, dialogo con la società maggioritaria. “Le donne vestivano gonne fiorite” raccoglie le testimonianze di tre di queste ragazze, intessute di desideri, aspettative, sogni e timori per il futuro, e le mette a confronto con le esperienze di vita di quattro donne delle generazioni precedenti. Protagoniste del documentario sono quindi sette donne rom che vivono nei “campi nomadi” romani: un'anziana che ricorda ancora il girovagare delle carovane dei kalderasha artigiani ramai, tre romnià bosniache giunte in Italia tanti anni fa e alle quali la vita ha riservato destini diversi lungo la difficile strada verso l'integrazione, e poi tre giovani ragazze, ciascuna a suo modo desiderosa di indipendenza e alla ricerca tanto di un suo posto nella società quanto della sua identità all'interno della comunità di appartenenza. Le testimonianze delle adulte e delle ragazze, come in una sorta di “controcanto” tra i richiami della tradizione e i desideri di cambiamento, fanno emergere numerosi particolari della loro vita sociale e personale, raccontano della durezza della vita nei campi e dei sogni per un futuro migliore, componendo un quadro variegato di cosa può significare essere donna ed essere zingara oggi, all'inizio del XXI secolo, in una grande città come Roma.

Messaggio

Firma