Home Contatti Photo Gallery Ricerca
  • Immagini
  • Testi
  • Mappe
Contribuisci anche Tu
ita | eng
Home > Archivio > Film > Sei del mondo

Sei del mondo

Camilla Ruggiero

Ostia - 2007 - 52'

Scheda film

Regia, Soggetto/Sceneggiatura: Camilla Ruggiero;

Con: Billy Bilolo, Nosa Otubu, Stawek Papiez, Boyan Kabov, Looknath Chowdhuiry, Anna Vitus, Marc Krito Kandoker, Badal Hossain, Eric Rocha, Francesco Palima;

Fotografia: Gianluca Mazza;

Suono: Fabio Russo, Andrea Viali;

Montaggio: Eros Achiardi;

Musica: Billy Bilolo, Marco Lentini, Stawek Papiez, Euthopia;

Produzione: Il Labirinto;

Formato: Betacam

 

 

Sinossi

Attraverso i racconti di alcuni studenti stranieri, dal Congo alla Romania, dal Bangladesh a Capoverde, ci avviciniamo alle loro diverse realtà di integrazione e ai loro piccoli e grandi conflitti. Sono ragazzi “del mondo”, in Italia da pochi anni o da una vita, in bilico fra la conquista di una nuova identità e il doloroso oblio delle proprie radici. Dalle note di regia: « Un paio di anni fa ci stavamo occupando di rifugiati politici quando una operatrice di un ente di assistenza ci fece notare che il vero problema sociale del futuro sarebbe stato quello dell’integrazione delle ‘seconde generazioni’ di immigrati. Il nostro paese ha dovuto affrontare nel giro di pochi decenni il passaggio da terra di emigranti a meta di immigrazione, fronteggiando i problemi dell’accoglienza che altri paesi del mondo occidentale avevano già affrontato in passato. Nei prossimi anni la nascita della seconda generazione segnerà sempre più il passaggio da immigrazioni temporanee a insediamenti durevoli che cambieranno i meccanismi di accettazione da parte della società ricevente e i rapporti con le istituzioni sociali. Allora non avevamo gli strumenti per capire la grande portata della questione, ma ci siamo appassionati e abbiamo voluto approfondirla con il nostro film. La scarsità di materiale (studi, saggi, articoli ecc) che abbiamo incontrato per documentarci ci ha convinti dell’urgenza di trattare la questione e di portare l’attenzione su un problema che riteniamo fondamentale».

Messaggio

Firma