Home Contatti Photo Gallery Ricerca
  • Immagini
  • Testi
  • Mappe
Contribuisci anche Tu
ita | eng
Home > Archivio > Film > Alysia nel paese delle meraviglie

Alysia nel paese delle meraviglie

Simone Amendola

Roma - 2010 - 40'

Scheda del film

Regia, sceneggiatura, fotografia e montaggio: Simone Amendola;
Suono: Tullio Arcangeli;
Musiche: Vassilis Tsabropoulos;
Con: Fabio, Jessy, Serena, Bonzo, Youssef, Combo;
Formato: Betacam;
Produzione: PARSEC Cooperativa Sociale, Filmalbatros;

Sinossi

A Cinquina, recente periferia di Roma, c’è una realtà del tutto simile alle banlieues parigine. Le storie e gli sguardi, dei ragazzi del quartiere, parlano del paese in cui viviamo: una società in trasformazione in un contesto immobile. Il documentario è il  racconto delle seconde generazioni in una nuova periferia romana, costruito sugli sguardi penetranti dei protagonisti che vengono da storie di occupazioni e case popolari. Le voci fanno da coro alla storia di una giovanissima coppia mista, lui di origine capoverdiana e lei italiana, che hanno appena avuto una bambina. Una bambina che crescerà in un paese completamente smarrito, dove i figli di stranieri nati in Italia non sono considerati italiani...

Messaggio

Firma




Dalle note di regia

«Questo lavoro è il frutto di un rapporto di quattro anni con i ragazzi del quartiere Cinquina. […] Andavo nel quartiere una volta a settimana e ogni volta mettevo in piedi una scena con i ragazzi che c’erano, o che erano disponibili. Di conseguenza sono arrivato al montaggio con 15 ore di girato un po’ strampalato, ma alla fine nonostante tutto è venuto un buon lavoro che mi ha permesso di entrare di più nel quartiere e di conquistare la loro fiducia. L’anno successivo (2008) sono stati gli stessi ragazzi a chiedermi di girare un videoclip di un brano rap che avevano scritto (di cui un estratto si vede nel documentario) e finalmente nel 2009 è stato possibile cominciare a pensare a qualcosa di più complesso e sentito […] costruito su un rapporto profondo e consolidato con i protagonisti».

Fonte: Cineteca Nazionale