ABOUT US

The Archive of Migrant Memories is both a real and virtual space for stories, self-narratives and dialogues between people wishing to share their experience of migration with others interested in learning about what they went through and their feelings and reflections. AMM is a “community of practice” composed of people pursuing common goals from a variety of perspectives. Their activities range from the collection of testimonies to the production of personal narratives and life histories, from participatory audio and video production to the development of teaching materials aimed at bringing the migrants’ real life experience into schools and making them available to anyone interested.

The Archive of Migrant Memories

ARCHIVE

The Archive includes personal narratives, interviews, theoretical research and reflections in the form of written texts, audios, videos and images. These are available for consultation on our website, or by writing to us for material not accessible online.

Research

The ‘research’ section is dedicated to research and critical literature addressing the work and activities of AMM and its development over time. It includes documents,

Research
Interviews

The “interviews” section documents meetings, conversations, interviews, story circles or discussions held, developed or organized by AMM’s volunteers, researchers and members. It includes brief extracts

Interviews
Self-representations

This section includes stories, self-narratives and diaries produced by migrants wishing to reflect on the nature and legacy of migration as an individual and collective

Self-representations

FILM

You can take part in AMM’s activities by organizing screenings of our films by making applications for private or public showings, including the participation of the authors. AMM’s films provide an inside story of the experience of migration, taking advantage of the specific features of audio visual language and participatory methods.

Benvenuti in Italia – Welcome to Italy

A documentary by Aluk Amiri, Hamed Dera, Hevi Dilara, Zakaria Mohamed Ali, Dagmawi Yimer, 2012...

Va’ pensiero. Storie ambulanti – Va’ pensiero. Walking stories

A film by Dagmawi Yimer, 2013 (55’). Va’ pensiero intermeshes the stories of two racist aggressions in...

Soltanto il mare – Nothing but the sea

A documentary by Dagmawi Yimer, Giulio Cederna and Fabrizio Barraco, 2011 (49’) Direction, cinematography, sound: Dagmawi Yimer, Fabrizio...

To whom it may concern

  A documentary by Zakaria Mohamed Ali, 2013 (16′) After “Soltanto il mare” (Nothing but the...

Grooving Lampedusa

  A photo-story  by Mario Badagliacca, 2012 (5‘ 25’’) Mahamed Aman and Zakaria Ali return to...

PROJECTS

AMM is and has been involved in a number of cultural promotion projects, in partnership with other Italian and international associations and organizations. For more on our past and present projects click here: CURRENT PAST

Current

AMM is currently engaged in the following projects:

Current
Past

Projects completed or actively engaged in in the past by AMM: Benvenuti in Italia  

Past

1 month ago

AMM - Archivio delle memorie migranti

Si è inaugurato a Lampedusa il Museo della fiducia e del dialogo: ‘uno spazio di conoscenza e riflessione, uno strumento per costruire ponti e abbattere muri’. Dopo un anno, il museo riapre al pubblico con un nuovo allestimento della collezione permanente realizzato dal comitato tre ottobre in collaborazione con il progetto Dimmi - Diari Multimediali Migranti e l’Archivio delle memorie migranti.
La collezione si articola in quattro sezioni che interpretano il tema della migrazione attraverso il confronto tra la storia passata e quella presente, per raccontare l’umanità in movimento e affermare l’identità delle persone migranti al di là delle cifre anonime e delle aride statistiche.
La raccolta di oggetti, fotografie, lettere, diari, testi sacri ed effetti personali, ritrovati all’interno delle barche a Lampedusa proviene dalla originaria raccolta effettuata dal collettivo Askavusa ed è esposta non soltanto come simbolo di una vicenda attuale che coinvolge gli individui che attraversano il Mediterraneo, ma anche come strumento per valorizzare documenti storici la cui fruibilità è stata resa possibile grazie al lavoro di Giuseppe Basile, uno dei maggiori esperti di restauro a livello internazionale e al contributo della Biblioteca Regionale della Regione Siciliana e dall’associazione Isole che ne ha curato la catalogazione e lo studio. I documenti sono accompagnati da traduzioni, ricostruzioni dei tragitti e tracce audio che consentono di ascoltarne il contenuto.
Il percorso espositivo è introdotto da una sezione dedicata alla storia di Lampedusa, una serie di fotografie provenienti dall’Archivio Storico di Lampedusa, che documenta la lunga tradizione dell’isola come luogo di approdo, partenza, ma anche di confino. ‘Da sempre, infatti, fin dall’antichità, Lampedusa è stata un porto “sicuro” in cui rifugiarsi durante le tempeste, un luogo dove ci si fermava per fare rifornimento di acqua e di viveri; un’isola utile a tutti, cristiani e musulmani’.
La mostra include inoltre un approfondimento a cura dell’associazione delle vittime civili di guerra che propone alcuni reperti che ricordano le storie di persone fuggite o deportate durante la Seconda Guerra Mondiale in Italia (foto identificative, disegni, lettere dalla prigionia, oggetti personali come occhiali, macchine da scrivere, gavette e piastrine). Solo in Italia, infatti ‘più di due milioni furono le persone costrette a scappare dalla violenza delle bombe e della guerra, abbandonando dietro di sé tutti i loro beni e recidendo i legami affettivi con le comunità di appartenenza’. A connettere tempi e luoghi così diversi, la frase “individui, non numeri’ conclude la sezione storica indicando il senso dell’intero percorso. Ad essa fa eco una sezione sonora dedicata alle testimonianze raccolte dall'Archivio diaristico di Pieve Santo Stefano e dal concorso DiMMi - Diari Multimediali Migranti, dal titolo Io vado via, che conduce il visitatore in un’esperienza di ascolto di alcune testimonianze che alternano la memoria dell'emigrazione italiana e dell'immigrazione in Italia. ‘Le voci di chi è partito e di chi è arrivato si intrecciano: italiani cittadini del mondo e cittadini del mondo italiani, a due per volta, raccontano la loro partenza, il loro viaggio, il loro arrivo, lo smarrimento, il disagio, il successo, i fallimenti’. L’esposizione si conclude con ‘la stanza del naufragio’ che propone un itinerario multimediale fatto di immagini e suoni nel quale i visitatori possono vivere in prima persona l’esperienza della traversata in mare. Il pubblico è anche invitato a partecipare all’esposizione attraverso una parete su cui può scrivere un messaggio personale, un commento, un pensiero di speranza rivolto al futuro.
... See MoreSee Less

View on Facebook

2 months ago

AMM - Archivio delle memorie migranti

A Napoli il 28 e 29 giugno anche AMM partecipa alla terza edizione di Racconti dalla Città Mondo, vi aspettiamo!#racconticittamondo Le chiamiamo Città, ma sono già Mondo. Venerdì 28 e sabato 29 giugno, narratori e narratrici di diversa provenienza e cultura si ritrovano a Napoli per Racconti dalla Città-Mondo e danno voce ai tanti e straordinari punti di vista che abitano le nostre città multiculturali.

Venerdì 28 giugno, a partire dalle ore 17.00, l'appuntamento è nel Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore (vico San Domenico 18), con lo scrittore Tahar Lamri, il regista e attore Bagya D. Lankapura, il regista e scrittore Guido Lombardi, la graphic journalist Takoua Ben Mohamed, la scrittrice Carmen Pellegrino, la mediatrice culturale Semhar Tesfalidet, il regista Dagmawi Yimer e il musicista Chris Obehi.

Il programma prosegue sabato 29 giugno alle ore 10.00 con gli itinerari interculturali in città condotti Pierre Preira e Yuliya Sanchenko di Migrantour Napoli.

📌 Per il programma completo clicca qui: tiny.cc/ky6r8y

📌 Gli incontri sono a ingresso libero, si consiglia la prenotazione a info@coopcasba.org

📌 Per partecipare alle passeggiate migrantournapoli@coopcasba.org

ACRA Dedalus cooperativa sociale AMM - Archivio delle memorie migranti Centro di elaborazione culturale mobilità, migrazioni internazionali - MOMI Premio Mutti - AMM Progetto Museo Summit Nazionale delle Diaspore Migrantour Viaggi Solidali Viaggi Solidali Next Generation Italy Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" Stranieriincampania Stranieriinitalia.it Libreria Ubik Napoli
... See MoreSee Less

View on Facebook

Contacts

amm.segreteria@gmail.com

Address:

c/o Circolo Gianni Bosio

Casa della Memoria e della Storia

Via San Francesco di Sales, 5 – 00165 Roma

Registered office:

Via di Panìco, 18 (int. 8) – 00186 Roma

Fiscal code: 97681790586